mario scappaticcio, @maticciofive

Allenatore ed ex giocatore di pallavolo.
Appassionato di tecnologia, informatica ed informazione.
volleyresearch.it
teamlabsystem.it
matesevolleycamp.it

  • volleyresearch.it : ricerca e pallavolo come metodologia volta alla collaborazione per un miglioramento sostenibile.
  • teamlabsystem.it : intranet di comunicazione per lo scambio dei dati e delle informazioni nei dettagli dei progetti all'interno del Team.
  • matesevolleycamp.it : i camp estivi dedicati alla pallavolo per ragazzi e ragazze dai 7 ai 18 anni.


Con un lancio in grande stile seguito online da migliaia di persone e tradotto in quattro lingue, Activision e Bungie hanno presentato Destiny 2, seguito dell’ibrido tra sparatutto e gioco di ruolo online uscito tre anni fa.

A Settembre, Destiny 2 sarà disponibile su PlayStation 4 con contenuti aggiuntivi ed esclusive a durata limitata, e su Xbox One. Successivamente arriverà anche su PC, dove potrà mostrarsi anche in 4K e sarà il primo gioco non Blizzard a sfruttare la solida architettura di rete del sistema Battle.net su cui poggiano World of Warcraft, Heartstone, Overwatch, Diablo e Starcraft.

Ecco tutte le novità più interessanti emerse dall’anteprima del gioco.

Spazio alla storia
Uno dei problemi più grandi di Destiny, soprattutto all’inizio, era la mancanza di una storia coesa e appassionante che facesse da supporta all’affascinante ambientazione a metà tra la sci-fi e le atmosfere medievaleggianti. Col secondo capitolo Bungie promette più sequenze introduttive, maggiore carattere nei comprimari e missioni più integrate in un mosaico generale. Finalmente i personaggi non giocanti non si limiteranno a parlarci alla radio, ma scenderanno con noi sul campo di battaglia.

La storia di Destiny 2 inizia in modo drammatico: l’ultimo avamposto sulla Terra è caduto, Dominus Ghaul, leader di un potente esercito alieno chiamato Legione Rossa vuole appropriarsi del potere del Viaggiatore, la misteriosa tecnologia aliena che fino a quel momento aveva permesso all’umanità di sopravvivere. Ovviamente starà a noi risolvere la situazione, missione dopo missione.

d2_titan_gear_04_jpg_1400x0_q85

Vecchie classi, nuove abilità
Tornano le tre classi principali, Titano, Stregone e Cacciatore, ma con lo sviluppo del personaggio si ramificheranno in nuove sottoclassi con abilità ben definite. Non ci sono ancora tutti i dettagli, ma per adesso abbiamo visto la Spada dell’Alba, uno stregone che può svolazzare in giro e portare la distruzione con una spada di fuoco, la Sentinella, un Titano che può usare uno scudo in stile Captain America, lanciandolo contro i nemici e l’Acrstrider, un Cacciatore che impugna una pontentissima staffa in grado di lanciare fulmini.

Per quanto riguarda le abilità classiche, tornano il colpo ravvicinato, che col tempo può avere vari potenziamenti, la granata e si aggiunge una terza abilità che dota tutti i Titani della barriera, tutti i Cacciatori della schivata e tutti gli Stregoni del buff di protezione offrendo per ognuno due tipologie di bonus passivi abbinati a questa skill. Insomma, c’è ampio spazio per definire il proprio stile di gioco.

d2_story_heroic_02_jpg_1400x0_q85

Armi
Salutate il vostro Gjallarhorn2 perché i veterani del gioco non potranno portarsi dietro armi e armature. Adesso le armi saranno divise in tre segmenti principali: cinetiche, energia e potere, che sostituiscono le armi pesanti, medie primarie e secondarie. In questo modo gli sviluppatori sperano di dare a ogni giocatore maggiore libertà nella creazione del proprio equipaggiamento e maggiore complessità nell’affrontare le varie tipologie di nemici, che potrebbero essere particolarmente resistenti o vulnerabili a una delle tipologie. Per adesso si sa molto poco sulle armi in arrivo, se non che tornano le tipologia già viste e si aggiungono nuovi fucili mitragliatori, i lanciagranate e, forse, le armi a raggio.

d2_strike_action_03_jpg_1400x0_q85

Il Multiplayer
Se da una parte c’è la voglia di dare più contenuti ai giocatori solitari, dall’altra il multiplayer è fondamentale e Bungie ha intenzione di dare una spolverata al Crogiuolo, ovvero gli scontri quattro contro quattro secondo varie modalità di gioco. Adesso l’interfaccia di gioco fornirà più informazioni sullo stato dei nostri compagni, su quali armi usano e sulle abilità speciali cariche. Arriva anche una nuova modalità, Countdown: un team deve piazzare una carica esplosiva in uno dei due punti caldi della mappa, mentre l’altro deve impedirlo oppure disinnescare la bomba se attivata. Peccato che ogni team abbia solo quattro vite a disposizione per tutta la squadra.

Inoltre finalmente Destiny 2 supporterà i Clan, ovvero quei gruppi di giocatori che decidono di fare squadra e giocare assieme il più possibile sotto un unica bandiera. Questo vuol dire che ci saranno obiettivi e ricompense dedicate solo ai Clan. Un’altra novità accolta con giubilo dai giocatori è l’introduzione fin da subito del matchmaking, ovvero un sistema che porta giocatori con un livello di bravura ed equipaggiamento simile a collaborare o scontrarsi tra di loro, evitando disparità. I lupi solitari potranno sfruttare una funzionalità chiamata “Guided Games” che permetterà loro di trovare facilmente qualcuno con cui giocare assieme. I clan invece potranno aprire le proprie partite ai non affiliati per rimpolpare temporaneamente le fila.

d2_strike_heroic_03_jpg_1400x0_q85

Nuovi mondi
Destiny 2 offrirà ovviamente anche nuove zone in cui fare a pezzi alieni di ogni tipo (che onestamente sanno un po’ di già visto), che rappresentano senza dubbio uno dei punti di forza del gioco, a cui non è mai mancata una affascinante visione artistica. Per adesso Bungie ha mostrato un’area sulla Terra chiamata European Dead Zone, ovvero l’ultimo avamposto di resistenza dell’umanità. Qui avranno luogo la maggior parte delle missioni iniziali e si trova anche il nuovo punto di ritrovo per i giocatori La Fattoria, che sostituisce La Torre. Abbiamo poi Titano, la luna di Saturno che mostra i resti di quella che viene considerata l’Eta dell’Oro dell’espansione umana. La particolarità di questa zona e l’assenza di terra ferma, tutte le missioni si svolgeranno in basi su un gigantesco oceano. Proseguendo visiteremo Io, dove dovremo investigare l’essenza stessa del Viaggiatore e luogo di nascita dei Guardiani. Infine eccoci su Nessus, un pianeta di fantasia totalmente assoggettato dai Vex.

Insomma, un’area di gioco enorme, piena di cose da fare in cui per fortuna non saremo più costretti a tornare in orbita per trovare nuovi incarichi da svolgere, ma potremo semplicemente spostarci usando una minimappa. Ci saranno poi le “Avventure” missioni secondarie che ci verranno assegnate quando saremo in una determinata area per farci scoprire qualcosa di più sulla storia del gioco, per non parlare di dungeon nascosti, eventi temporanei e un sacco di altre cose che ci permetteranno di esplorare l’ambiente in lungo e in largo senza interruzioni.

The post Tutte le novità di Destiny 2 appeared first on Wired.



Source link

Related Post

support
icon
Cerchi aiuto?
Close
menu-icon
Support Ticket

Pin It on Pinterest

Shares
Share This