H-Farm acquista tre scuole per 5 milioni

[ad_1]

(Foto. H-FARM)
(Foto. H-FARM)

Operazioni importanti in ambito education per H-Farm. La fattoria dell’innovazione di Riccardo Donadon – che negli ultimi 18 mesi sta portando avanti un progetto formativo dal forte approccio innovativo – ha chiuso infatti tre importanti acquisizioni di realtà formative italiane all’avanguardia.

La prima (della quale già deteneva il 30%) è Big Rock, la famosa scuola italiana di computer grafica e visual effect di Marco Savini. Un’operazione dal valore complessivo di 2,3 milioni di euro, per una realtà unica in Europa. Basti pensare che gli studenti dei master in computer grafica, virtual reality e concept art di Big Rock, possono vantare un tasso di inserimento nel mondo del lavoro che supera l’80% solo nei primi 12 mesi.

(Foto. Big Rock)
(Foto. Big Rock)

L’obiettivo, dichiarato, è dunque quello di arricchire l’offerta formativa, guardando a un mondo del lavoro che cambia giorno dopo giorno, sotto i nostri occhi. “Sono entusiasta si siano create le condizioni per portare completamente BigRock nella famiglia di H-Farm – ha spiegato Riccardo Donadon – e di poter lavorare con Marco Savini, una delle persone più innovative nello scenario italiano della formazione”.

Nell’ottica di questo potenziamento dell’offerta formativa, H-Farm ha poi acquisito anche la English International School di Rosà (Vicenza), scuola internazionale paritaria e parificata fondata nel 1992, membro dell’Ecis (European Council of International Schools), che conta oggi circa 300 studenti, tra materne, elementari e medie.

(Foto. H-FARM)
(Foto. H-FARM)

“L’acquisizione della scuola di Rosà rappresenta per noi non solo un ulteriore sviluppo dell’operazione sul territorio – spiega ancora Donadon – ma anche un passo importante della strategia che ci consentirà da un lato di testare il nostro modello di formazione innovativo e dall’altro di portare a bordo persone di estremo valore e competenza nell’ambito della formazione”.

Ultimo ma non meno importante tassello di questo percorso è stato l’accordo chiuso con l’ateneo Ca’Foscari, per un’operazione che, in totale, supera i 5 milioni di euro. Grazie a questa partnership partirà, a settembre, il primo corso di laurea triennale in Italia in Digital Management.

The post H-Farm acquista tre scuole per 5 milioni appeared first on Wired.

[ad_2]

Source link

Recensione Acer Spin 7, notebook convertibile in soli 11 millimetri

Recensione Acer Spin 7, notebook convertibile in soli 11 millimetri

[ad_1]

Il mercato dei notebook è andato sempre più frammentandosi nel corso deli ultimi anni sempre più frammentandosi ed è ora segmentato in diverse categorie a seconda delle caratteristiche fisiche e tecniche dei prodotti che le compongono. Abbiamo quindi i classici notebook, i cosiddetti ultrabook, i convertibili, i 2 in 1 e chi più ne ha più ne metta. Acer Spin 7 è un pc portatile che rientra nella categoria dei convertibili, ovvero quei prodotti che possono essere utilizzati in diverse modalità senza la separazione fisica dei componenti del laptop stesso.

In questo preciso caso siamo di fronte ad un prodotto che può essere utilizzato come un notebook standard, come tablet, o in modalità stand o tenda, come preferiamo definirla, perfetta per mostrare presentazioni o video ad un interlocutore posto di fronte a noi. Il tutto grazie ad una cerniera che permette di ruotare il display di 360 gradi ripiegandolo completamente su se stesso e agganciandolo alla parte dello chassis retrostante la tastiera tramite delle calamite che lo ritengono quando utilizzato come tablet.

DESIGN E MATERIALI OK!

Decisamente buoni la costruzione e l’assemblaggio di questo Acer Spin 7. Il corpo è infatti interamente realizzato in materiale metallico, ben rifinito e dalle giunture molto salde e che resistono senza scricchiolii o cedimenti alle sollecitazioni meccaniche. Il tutto nonostante uno spessore di soli 11 mm e un peso inferiore ai 1400 grammi, caratteristiche che permettono di trasportare sempre in maniera agevole questo Spin 7.


Top gamma Samsung 2015 al giusto prezzo? Samsung Galaxy S6 è in offerta oggi su a 305 euro oppure da Media World a 399 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE



[ad_2]

Source link

Tastiera meccanica per gamer con tasti retroilluminati: sconto a 32,99 euro

Tastiera meccanica per gamer con tasti retroilluminati: sconto a 32,99 euro

[ad_1]

Con un codice risparmiate ben 22 euro sull’acquisto di una tastiera meccanica per gamer con chassis in alluminio e tasti retroilluminati con colorazione regolabile: la pagate solo 32,99 euro spedizione inclusa

L’articolo Tastiera meccanica per gamer con tasti retroilluminati: sconto a 32,99 euro proviene da Macitynet.it.

[ad_2]

Source link

Trump, continuano le polemiche per i tweet del presidente Usa

Trump, continuano le polemiche per i tweet del presidente Usa

[ad_1]

trump
Per il presidente Donald Trump poteva essere una buona settimana: la Corte Suprema ha riattivato il travel ban, di fatto, e alla Cnn tre giornalisti si sono dimessi per una inchiesta mal fondata su russi e campagna elettorale. Ma a rovinare tutto, ancora una volta l’uso di Twitter, con cui ha pesantemente attaccato il programma della Msnbc “Morning Joe” condotto da Mika Brzezinski e Joe Scarborough. Nel solito tweet di fuoco Trump ha prima attaccato il programma per i bassi ascolti e si è chiesto “come mai Mika, una matta con basso quoziente intellettivo, insieme a quell’altro psicopatico di Joe, vennero da me a Mar-a-Lago per tre sere di seguito intorno a Capodanno, insistendo per unirsi a me? Lei sanguinava tremendamente in seguito a un lifting del viso. Io dissi di no!”.

Le reazioni però, dopo tale uscita, non accennano a diminuire e diventano polemica politica a tutto tondo. Il problema ritorna, quello dell’adeguatezza al ruolo presidenziale: ad attaccarlo il network e i compagni di partito, come il senatore Lindsey Graham che ha twittato: “Signor Presidente, i suoi tweet non sono all’altezza del ruolo e rappresentano quello che non va nella politica americana”.

Molte analisi riflettono che la normalizzazione continua a non esserci: Trump non vuole sottostare al decoro che il ruolo richiede, si chiama fuori da una tradizione lunga oltre 240 anni e il rischio, già concreto, è che ne risenta tutta l’istituzione. Pochi giorni fa, il Pew Research Center dimostrava che l’immagine di Trump all’estero è ai minimi in molti paesi.

Alla Cnn, la Republican Strategist e contributor di molte testate di punta nazionale Ana Navarro ha attaccato i modi infantili di Trump, ricordando che mai Bush od Obama hanno risposto anche alle più pesanti critiche nel modo in cui fa The Donald. Ad altre persone, tirerebbero le scarpe, piuttosto.

La stessa Casa Bianca ormai è un fortino dove la difesa del presidente va avanti a prescindere e viene veicolata dallo staff. Criticatissima,  la risposta di Sarah Huckabee Sanders al briefing con la stampa: per Huckabee, Trump viene attaccato di continuo e risponde per come viene attaccato. Dopotutto, secondo il suo ragionamento, la gente lo ha eletto per quello che si dimostra, quindi va bene così. Una replica che conferma quanto si pensa: ormai il distacco dato dal ruolo non esiste più e Trump si batte alla pari, via Twitter, come un privato cittadino.

Nella polemica finisce, indirettamente, anche Melania, la first lady: mesi fa aveva detto di volersi battere contro il bullismo, ma come essere coerente con la promessa se il marito a colpi di tweet dà il pessimo esempio dalla più potente casa d’America, spesso andando anche su dettagli fisici o personali?

Insomma, quale sarà l’eredità della presidenza Trump di questo passo? Il New Yorker scrive che Trump è riuscito a unificare l’intero spettro politico nella condanna per il sui incredibile attacco sessista a Mika Brzezinski. sarà ricordato come commander in chief o troll in chief?

La Casa Bianca, se lo chiede anche la senatrice repubblicana Lisa Murkowski, cosa sta diventando, una piattaforma per offendere il prossimo?

Anche i richiami a contenersi valgono a poco: anche oggi la polemica con Morning Joe, continua.

The post Trump, continuano le polemiche per i tweet del presidente Usa appeared first on Wired.

[ad_2]

Source link

Pin It on Pinterest

Skip to toolbar