mario scappaticcio, @maticciofive

Allenatore ed ex giocatore di pallavolo.
Appassionato di tecnologia, informatica ed informazione.
volleyresearch.it
teamlabsystem.it
matesevolleycamp.it

  • volleyresearch.it : ricerca e pallavolo come metodologia volta alla collaborazione per un miglioramento sostenibile.
  • teamlabsystem.it : intranet di comunicazione per lo scambio dei dati e delle informazioni nei dettagli dei progetti all'interno del Team.
  • matesevolleycamp.it : i camp estivi dedicati alla pallavolo per ragazzi e ragazze dai 7 ai 18 anni.


(Foto: wikipedia.org)
(Foto: wikipedia.org)

L’Annuario statistico dell’Automobile club d’Italia tratteggia un quadro, quello relativo alle automobili per il 2016, che ritrae un mercato a due marce. E non si tratta di un comparto privo di significato, perché l’Italia ha uno dei più alti rapporti al mondo tra cittadini e auto immatricolate, 623 ogni 1000 abitanti.

Un parco veicoli anzianotto, considerando che il 53% dei 37,9 milioni di automobili immatricolate ha più di 10 anni, lo dimostra anche l’aumento della spesa per le riparazioni che, insieme a quella per le manutenzioni generiche e a quella del prelievo fiscale, cresce del 3,8% rispetto al 2015 e arriva a 25 miliardi di euro. Diminuiscono invece altre voci di costo, tra cui i carburanti, in flessione di 3,3 punti percentuali rispetto al 2015 e che si assestano a 34 miliardi di euro. Il bilancio totale per il 2016 è di una diminuzione della spesa per l’auto dell’1,5% rispetto ai 12 mesi precedenti.

A ulteriore dimostrazione dell’anzianità delle automobili in Italia ci sono le immatricolazioni Euro 0, quelle senza catalizzatore immatricolate prima del 31 dicembre 1992, circa il 10,1% del totale (3,82 milioni di veicoli). A queste si vanno ad aggiungere le Euro 1 (normate a partire dal 1993) e le Euro 2 (1997) che, insieme, fanno circa il 15% delle auto immatricolate.

Di fatti l’età media delle automobili è di 13 anni e 10 mesi per quelle a benzina, 9 anni e 2 mesi per quelle a gasolio e 7 anni e 5 mesi per quelle a doppia alimentazione, sia essa benzina-Gpl o benzina-metano.

Se una parte degli italiani tende a non cambiare veicolo, va anche sottolineato che la maggiore voce di spesa per il 2016 è quella relativa agli acquisti e agli ammortamenti, pari a 47,5 miliardi e comunque in diminuzione del 4,2% rispetto al 2015.

Tra il 2000 e il 2016 i veicoli immatricolati in Italia sono aumentati del 16%, grazie anche agli incentivi. La regione con il rapporto più elevato tra autovetture per migliaia di cittadini è l’Umbria, con 700 automobili per mille abitanti, mentre quelle meno motorizzate sono la Puglia (562 veicoli per 1000 abitanti) e Liguria (530).

Catania è il comune con il più alto rapporto veicoli per mille abitanti (685), a seguire Torino (636) e, a chiudere la graduatoria Milano (513), Genova (461) e Venezia (422).

The post L’automobile ci costa 3.800 euro l’anno appeared first on Wired.



Source link

Related Post

support
icon
Cerchi aiuto?
Close
menu-icon
Support Ticket

Pin It on Pinterest

Shares
Share This