Taking too long? Close loading screen.
iPhone 8, trapelate nuove immagini di componenti

iPhone 8, trapelate nuove immagini di componenti

[ad_1]

.itemcontent{min-height:640px!important}function waitForVideoDivElement(elementPath, callBack){
window.setTimeout(function(){
if($(elementPath).length){
callBack(elementPath, $(elementPath));
}else{
waitForVideoDivElement(elementPath, callBack);
}
}, 500);
}

jQuery(document).ready(function(){
jwplayer(“player_33018832”).setup({
“playlist”: “http://bvideo.blogo.it/feeds/jJxEySNe.json”
});
});

jQuery(document).ready(function(){

var $fotoramaDiv = $(‘#id_599bdab88eafa’).fotorama({
fotoramaID: ‘id_599bdab88eafa’,
descID: ‘id_599bdab88eafa-desc’,
$fotorama: $(‘#id_599bdab88eafa’),
videoInSlide: 5,
videoOverlay: $(“.ad-video-overlay”),
gallery: $(‘#id_599bdab88eafa’),
jwplayer: jwplayer(“player_33018832”)
});

fotorama_id_599bdab88eafa = $fotoramaDiv.data(‘fotorama’);

//extension:
fotorama_id_599bdab88eafa .thumbNavigation()
.addDownloadButton()
.addCounter()
.addDdescription()
.enableAdvRefresh(apntag);
fotorama_id_599bdab88eafa.videoInGallery();

jwplayer(“player_33018832”).on(‘adComplete’,function(){
console.log(“onAdComplete”);
fotorama_id_599bdab88eafa.hide_video();
});

jwplayer(“player_33018832”).onComplete(function(){
console.log(“onComplete”);
fotorama_id_599bdab88eafa.hide_video();
});

});

Dai social network cinesi giunge nuovo materiale su iPhone 8, una carrellata di immagini fotografiche che raffigurano alcuni presunti componenti dell’inedito top di gamma Apple il cui arrivo è previsto per il prossimo mese.

Continuano dunque le leak di componenti appartenenti ad iPhone 8; dopo le indiscrezioni sul nuovo chip A11, anch’esso apparso dal vivo in qualche foto, è arrivato il turno del pannello frontale e dei cavi flessibili per il connettore Lightning e per l’alimentazione.

prosegui la lettura

iPhone 8, trapelate nuove immagini di componenti pubblicato su Melablog.it 21 agosto 2017 21:15.



[ad_2]

Source link

Scorpio Engine, il cuore pulsante di Xbox One X a nudo

Scorpio Engine, il cuore pulsante di Xbox One X a nudo

[ad_1]

Aperte le prenotazioni di Xbox One X (in previsione del debutto del 7 novembre), Microsoft ha preso parte alla conferenza Hot Chips per parlare del cuore della console, il SoC, meglio noto come Scorpio Engine. Sappiamo già molto su questo chip, tra cui il numero di core, le frequenze e il bandwidth di CPU, GPU e memoria: la conferenza ci permette di ricapitolare quanto sappiamo sul sistema, aggiungendo qualche nuova informazione.

[ad_2]

Source link

I cinesi di Great Wall sono interessati alla Fca di Marchionne

I cinesi di Great Wall sono interessati alla Fca di Marchionne

[ad_1]

Jeep Renegade

Fiat Chrysler Automobiles nel mirino dei cinesi? Da una settimana si rincorrono le voci su un interesse delle case automobilistiche del Dragone a inglobare pezzi di Fca o l’intera compagnia e il titolo del gruppo guidato da Sergio Marchionne vola in Borsa. Nelle ultime ore si è aggiunto un tassello in più. Il sito statunitense Automotive News, specializzato nel settore dei motori, dichiara di aver ricevuto una mail dal presidente del gruppo cinese Great Wall Motor, Weng Fengying, in cui afferma di essere interessata ad acquistare Jeep e in contatto con Fca. Per l’ufficio di corrispondenza della Reuters a Pechino, Great Wall, settimo produttore di auto in Cina per grandezza, potrebbe proporre un’acquisizione dell’intero gruppo del Lingotto.

Fca ha smentito l’offerta in un comunicato ufficiale. L’azienda dichiara “di non essere stata approcciata da Great Wall Motors riguardo al brand Jeep o ad altre questioni relative al suo business” e di essere concentrata sul piano industriale 2014-2018. Ai cinesi Jeep interessa per scalare le classifiche dei produttori di suv e migliorare la propria posizione a livello globale. L’anno scorso sono stati venduti 1,4 milioni di Jeep, una ogni tre fuori dagli Stati Uniti. Nonostante i manager si siano dichiarati fiduciosi di poter raccogliere fondi a sufficienza per proporre un’offerta vantaggiosa, Great Wall genera meno entrate di Fca, mentre la capitalizzazione delle due società è all’incirca la stessa. Inoltre il governo statunitense non lascerebbe mano libera a un’incursione dei cinesi su uno storico marchio a stelle e strisce.

Invece di spingere Fca nelle braccia di un corteggiatore orientale, il dichiarato interesse di Great Wall potrebbe accelerare un consolidamento del gruppo proprio negli Stati Uniti. Nonostante alle voci di proposte dalla Cina il Lingotto abbia risposto prima con un “no comment” e poi con una smentita, il titolo ha beneficiato in Borsa di una risalita che segna un +8% rispetto all’andamento dell’ultimo mese. La casa automobilistica torna sotto i riflettori. Insieme a un dossier caro a Sergio Marchionne: la fusione di Fca con General Motors.

L’amministratore delegato di Fiat Chrysler ha ricevuto solo porte in faccia dalla numero uno di Gm, Mary Barra, e dopo vari tentativi di abbordaggio nel 2015, l’offerta di nozze è tornata nel cassetto. Oggi l’aria che tira negli Stati Uniti è favorevole al matrimonio tra campioni nazionali. Trump ha costruito la sua campagna elettorale sul rafforzamento dell’industria a stelle e strisce, ma finora ha combinato poco e niente, smantellando solo le nuovi leggi sull’ambiente che i costruttori di auto avrebbero dovuto rispettare. I capi azienda non lo stanno a sentire e gli investimenti in Messico, additato come la causa dell’emorragia di nuovi posti di lavoro negli Usa, non accennano a calare.

Anzi, nei primi sei mesi dell’anno la produzione di automobili in Messico è cresciuta del 16%, mentre negli Stati Uniti è calata del 5%. Le stesse Fca e Gm stanno producendo nuovi modelli proprio negli stabilimenti in America centrale e anche se a parole gli stanziamenti negli Usa cresceranno, la fortuna del Messico non si ossida. Per questo motivo l’acquisto di Jeep da parte dei cinesi sarebbe uno smacco che Trump non potrebbe permettersi. In quest’ottica, riprende quota l’opzione General Motors, che troverebbe alla Casa Bianca orecchie più disponibili ad ascoltare questo progetto che durante l’amministrazione Obama. Per Marchionne la fusione potrebbe essere una buona exit strategy nel 2019, anno in cui lascerà i vertici di Fca, come ha confermato il presidente John Elkann ad aprile.

The post I cinesi di Great Wall sono interessati alla Fca di Marchionne appeared first on Wired.

[ad_2]

Source link

Game of Thrones, come riconoscere i draghi di Daenerys

Game of Thrones, come riconoscere i draghi di Daenerys

[ad_1]

game-of-thrones-draghi

ATTENZIONE: spoiler sul sesto episodio della settima stagione

Chi ha già visto il sesto episodio della settima stagione di Game of Thrones già sa che un evento fondamentale ha riguardato i draghi di Daenerys. Per chi deve ancora godersi i molteplici colpi di scena letteralmente da brividi che hanno caratterizzato Oltre la barriera farebbe meglio a sospendere qui la lettura.

Nell’episodio, appunto, ritroviamo la spedizione guidata da Jon Snow oltre la Barriera circondata da un esercito brulicante di non-morti. La situazione sarebbe veramente tragica se non fosse che Daenerys, avvertita da un corvo spedito da Gendry, interviene con i suoi draghi. A un certo punto, però, uno di loro viene colpito a morte da un lancia di ghiaccio lanciata dal Re della Notte. Di quale drago si tratta? Ovviamente non di Drogon (sempre cavalcato dalla Madre dei draghi), e nemmeno di Rhaegal: si tratta di Viserion, e di seguito spieghiamo come lo si riconosce.

Secondo Vulture, nei romanzi di George RR Martin i draghi appaiano molto più differenziati di come lo siano nella serie Game of Thrones: Drogon per esempio ha i denti e le squame nere, gli occhi rossi; Viserion, invece, ha un colore molto più pallido, con gli occhi e le corna dorati, tanto da essere chiamato “il drago bianco“; Rhaegal è sui toni del verde e del bronzo, con i denti e gli artigli neri. Nella produzione Hbo sono tutti molto più simili, ma un occhio attento nota che il drago che precipita ha un colore più chiaro degli altri, ed è quindi Viserion.

Il fatto ha una natura simbolica molto importante, fra l’altro: Viserion prende il nome proprio da Viserys, il fratello di Daenerys che l’ha tradita vendendola ai Dothraki; anche il drago relativo, ora nelle mani degli Estranei, è plagiato per rivoltarsi contro la stessa protagonista. Rimane invece Rhaegal e secondo molti potrebbe essere il drago cavalcato da Jon Snow, dato che è il figlio ancora ignaro proprio dell’altro fratello di Daenerys, Rhaegar.

The post Game of Thrones, come riconoscere i draghi di Daenerys appeared first on Wired.

[ad_2]

Source link

Traduci

Pin It on Pinterest