Taking too long? Close loading screen.

Perché Google dovrebbe comprare Snapchat

[ad_1]

(Foto: flickr.com)
(Foto: flickr.com)

A inizio 2016, secondo fonti vicine a entrambe le aziende e raccolte da Business Insider International, Google ha messo sul piatto 30 miliardi di dollari per acquisire Snapchat, prodotto di punta di quella azienda che a settembre dello stesso anno avrebbe cambiato nome in Snap Inc. e che sei mesi dopo, a marzo del 2017, sarebbe stata quotata al New York Stock Exchange (Nyse). Ancora prima, siamo nel 2013 ovvero 2 anni dopo l’avvento di Snapchat, Google aveva già provato a mettere nel carrello della spesa la startup di Evan Spiegel, questa volta offrendo 4 miliardi di dollari.

A maggio del 2016, quindi poco dopo il naufragio della trattativa da 30 miliardi di dollari, Snapchat ha chiuso un ennesimo finanziamento che ne ha portato il valore di mercato a 20 miliardi e, per quanto BigG abbia cercato di mantenere un profilo basso, vi ha partecipato tramite CapitalG, il fondo venture che appartiene all’orbita di Alphabet.

Al netto della partecipazione di Google nel round di investimento, sia BigG sia il Ceo di Snap Inc., negano di avere intavolato trattative anche se, conclude Business Insider International, Google avrebbe lasciato l’assegno di 30 miliardi di dollari in bella vista sulla scrivania di Spiegel fino a quando questo non ha scelto di percorre la strada dell’Ipo.

Spiegel ha rifiutato, sempre nel 2013, i 3 miliardi offerti da Zuckerberg. Secondo voci di corridoio mai definitivamente confermate anche la cinese Tencent Holdings avrebbe messo sul piatto una grossa cifra: 4 miliardi di dollari per comprare Snapchat. Sia Tencent sia Alibaba hanno partecipato ai round di finanziamento della startup, la prima con 60 milioni di dollari, la seconda con 200 milioni.

Arriviamo al presente, un momento critico per Snap Inc., dopo due semestrali pessime l’azienda vale 15,94 miliardi, meno della metà dei 33 miliardi di capitalizzazione del giorno dell’Ipo e il titolo è scambiato a 13,35 dollari, il 45% in meno dei 24,48 dollari del primo giorno di contrattazioni. Difficoltà che erano facilmente prevedibili, come avevamo scritto, e che fanno di Snap Inc. un’azienda debole dal punto di vista finanziario, senza intaccare il grande potenziale innovativo.

Rete sociale
Google ha sempre voluto una rete sociale, ne sono prova Google Plus e i quasi dimenticati Google Buzz e Orkut. Una voglia che è sempre rimasta tale e che occorre soddisfare, perché gli inserzionisti non disdegnano i social e perché i video, soprattutto grazie all’impegno di Zuckerberg per farli proliferare anche su Facebook, non sono più dominio incontrastato di YouTube.

Video
I video ricoprono un’importanza sempre più strategica sia per fare crescere e consolidare la base utenti, sia per catalizzare le potenzialità di storytelling degli inserzionisti. A BigG fanno gola i 175 milioni di utenti attivi giornalieri di Snapchat e Snap Inc. in questo momento non può ignorare Google Plus, piattaforma che per i piani alti di Mountain View è tutt’altro che morta e sulla quale il gruppo californiano continua a investire.

A dimostrarlo è il restyling a cui è stata sottoposta a inizio 2017. Consolidare le due esperienze, con un ponte a due corsie che le unisca a YouTube, potrebbe essere un modo per limitare lo strapotere di Facebook.

Pubblicità online
Il mercato della pubblicità online ha un valore di 229,25 miliardi di dollari e una previsione di fatturato pari 225,48 miliardi nel 2020, una cifra che fa gola a tanti e che al momento vede Snapchat occuparne circa l1,8%. Segnale chiaro che, da sola, l’applicazione di Spiegel non può essere il terzo che gode nella lotta tra Facebook e Google.

Monetizzazione
Sia Snapchat sia YouTube sono alle prese con la questione monetizzazione, le cui rispettive potenzialità non sono mai state sfruttate appieno. Immaginare uno scenario in cui le funzioni di Snapchat vengano introdotte nei prodotti di Google con un motore di ricerca per le Storie e una sincronizzazione tra queste e appositi canali YouTube, sarebbe una spinta alle entrate e al tempo di permanenza online degli utenti.

Cloud
Infine Snap Inc. utilizza l’architettura cloud di Google, un impegno che ha un peso economico (400 milioni di dollari l’anno) e uno funzionale: pure essendo elastica, la nuvola di BigG può porre un freno alle necessità di espansione di Snapchat che, di fatto, potrebbe virare su una struttura proprietaria non appena i conti dovessero permetterlo. Snap Inc. è uno dei clienti più importanti di BigG, perderlo sarebbe un danno al prestigio più che al portafogli.

Il presidente del consiglio di amministrazione di Alphabet, Eric Schmidt stravede per Spiegel e per Snap Inc., un amore né segreto né fresco, risale infatti al 2012 quando la startup stava muovendo i primi passi ma il grosso limite è la voglia di indipendenza di Spiegel. Un Ceo sicuro di sé e pronto ad affrontare le sfide del mercato. Convincerlo a cedere ai richiami delle sirene di Mountain View appare difficile.

The post Perché Google dovrebbe comprare Snapchat appeared first on Wired.

[ad_2]

Source link

Raffica di novità per Google Docs per modifiche, ricerca versioni e modelli

Raffica di novità per Google Docs per modifiche, ricerca versioni e modelli

[ad_1]

Google introduce diverse novità per la suite di produttività Google Docs. Ora è possibile inserire suggerimenti anche da telefoni e tablet, ricercare nelle versioni dei documenti, modelli integrati con servizi terzi e altro ancora

L’articolo Raffica di novità per Google Docs per modifiche, ricerca versioni e modelli proviene da Macitynet.it.

[ad_2]

Source link

Ricerca Google perde peso con la versione Lite | APK

[ad_1]

Dopo Facebook, anche Google ha deciso di lanciarsi nel mondo delle app più leggere per i mercati emergenti (e si spera non solo), annunciando ufficialmente la propria nuova app sperimentale Search Lite.

L'app, disponibile per il momento nel solo mercato indonesiano, ha lo scopo di rendere più veloce e leggera la ricerca internet adattandola alle tipologie di connessioni non particolarmente performanti. Tra le principali caratteristiche troviamo il supporto alla funzionalità offline, l'utilizzo ridotto di dati e una UI leggera e di facile comprensione.

Proprio come l'app standard, Search Lite può eseguire velocemente ricerche vocali e di testo. Sotto la barra di ricerca è possibile trovare un menù flottante che mostra alcune parole di ricerca suggerite.


Due fotocamere sono meglio di una, meglio Plus? Huawei P9 Plus, in offerta oggi da Infotel Italia a 370 euro oppure da Amazon a 460 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE



[ad_2]

Source link

Google: 3.5 miliardi di dollari a Samsung per le app preinstallate

Google: 3.5 miliardi di dollari a Samsung per le app preinstallate

[ad_1]

Il processo di rinnovo delle licenze da parte di Google è pienamente in corso: il colosso pagherà ad Apple quasi 3 miliardi di dollari semplicemente per restare il motore di ricerca predefinito sui device iOS. Stando ad un nuovo report Samsung avrebbe ricevuto un’offerta simile.

(…)
Continua a leggere Google: 3.5 miliardi di dollari a Samsung per le app preinstallate su Androidiani.Com


© pasqualemarzocchella for Androidiani.com, 2017. |
Permalink |

Tags del post: , , , , , , ,



[ad_2]

Source link

Google Foto si aggiorna alla versione 3.3, ecco le novità

[ad_1]

Google Foto ha ricevuto l'aggiornamento alla versione 3.3 per dispositivi Android, senza introdurre modifiche particolarmente evidenti agli occhi degli utenti ma comunque importanti al fine di migliorarne l'esperienza di utilizzo.

Accedendo alla schermata delle impostazioni, le opzioni di notifica sono state raggruppate, ed è stato aggiunto un pulsante che permette la selezione multipla delle immagini da condividere. Analizzando invece il teardown di versione, sono emerse stringhe di codice finora sconosciute relative a nuove funzioni per la creazione di filmati a tema e regole avanzate per il salvataggio automatico delle librerie condivise.

Google Foto 3.3 è già disponibile tramite Play Store come aggiornamento automatico o attraverso il download dell'applicazione.


Una scelta che vi fa onore? Honor 5c, compralo al miglior prezzo da Media World a 149 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE



[ad_2]

Source link

Traduci

Pin It on Pinterest

Skip to toolbar